VALLE VARAITA Bosco dell’Alevè, Rifugio Bagnour (2017 m)

Nessuno mi stava aspettando. Ma mi aspettava ogni cosa.

Patti Smith

Il rifugio Bagnour è situato  nel cuore del bosco dell’Alevè, la più grande estensione di pini cembri in purezza d’Italia.
La struttura è stata ideata nel 1941, con finalità di avamposto per il presidio del bosco dalla Milizia Forestale dello stato.
Durante il periodo della II° guerra Mondiale è stata utilizzata come punto di avvistamento degli aerei nemici. Finita la guerra la struttura  è stata abbandonata.
Grazie all’idea della Comunità Montana Valle Varaita, ad un finanziamento Europeo e alla partecipazione economica pari  al 20% degli attuali gestori, è stato possibile recuperare il rudere, creando un piccolo ed accogliente rifugio alpino.

www.rifugiobagnour.it

 

NOTE TECNICHE

DISLIVELLO: +600m c.a

DIFFICOLTÀ: T

TEMPO DI SALITA: 1,30 ore 

PERIODO CONSIGLIATO: autunno, inverno, estate

TOPONIMO: “Alevè”: il toponimo è di origine occitana e significa letteralmente bosco di pini cembri (dall’occitano èlvou = “pino cembro”).

canvas_tappe_1800x900_05

PERCORSO

Si parte da Castello e ci si addentra subito nel bosco dell’Alevè, la più grande riserva protetta del pino cembro dell’Europa meridionale, famoso per il suo legno pregiato.

Dal rifugio dell’Alevè, inizia il sentiero denominato U8, fino ad arrivare alla baita Grongios Martre (1736m).

46327562415_2a61bc2b91_k

La salita  continua a inerpicarsi per il bosco su neve fresca. Alle nostre spalle intanto si evidenzia sempre più la piramide innevata e slanciata del Pelvo d’Elva (3064m).

47190006442_ab74c14f17_k
Pelvo d’Elva (3064m)

46327557785_eb6add28fe_k

L’Alevé è un bosco antichissimo, le cui origini si fanno risalire fino alle grandi glaciazioni del quaternario, pertanto è il più antico del cuneese e uno dei più antichi d’Europa.
Già noto ai Romani, venne ricordato nell’Eneide di Virgilio, quando accenna al Vesulus pinifer, ossia la montagna visibile da ogni luogo e ricoperta da una foresta di conifere.  

32299902957_67a7398b6f_k

Si tralascia un sentiero che indica il rifugio Vallanta, e si continua verso destra , sempre nella folta cembreta.

32299901937_a53f44df9d_k

47189989892_5324edf87e_k

Più avanti, si arriva ad un’ampia radura molto panoramica, dopo alcune centinaia di metri, si arriva al bellissimo rifugio Bagnour.

46518439924_eeb9d30422_k
rifugio bagnour

Vicino al rifugio ci sono due laghi, il Lago Bagnour e il Lago Secco, adagiati tra i pini, due piccoli specchi d’acqua che si stanno lentamente trasformando in torbiere. Dopo lunghi periodi di siccità possono presentarsi asciutti. Ospitano un piccolo crostaceo, una sorta di gamberetto, che sembra sia esclusivo di questa zona, il branchipus blanchardi.

940
branchipus blanchardi

Vive nell’acqua, ha il corpo trasparente e visto da sopra, per la forma e per come si muove, sembra un pesce. Anche se colpisce l’occhio la vibrazione continua di una lunga fila di piccoli arti sui fianchi. Che potrebbero essere branchie.
Visto di lato si capisce che è un crostaceo. Comunque lo si osservi, si capisce che è un animale strano e particolare, prezioso. E che di lui si sa pochissimo.
Si tratta del Branchipus blanchardi, un crostaceo endemico scoperto in Val Varaita, nelle pozze d’acqua nei boschi di pino cembro dell’Alevè, alla fine dell’800.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close