VALLE GRANA Anello delle borgate di Colletto – Narbona (1495 m), Coulbertrand (1614 m), Borgata Batuira (1612 m), Grange Sarià (1750 m), Campofei (1489 m)

La vita si mette in scena da sola. È questo che bisogna osservare.

Agnès Varda

Bellissimo anello per andare a scovare i “tesori nascosti” della Valle Grana. Prima la  misteriosa borgata Narbona, che ormai sta scomparendo,  e poi le incisioni rupestri delle grange Sarià.

NOTE TECNICHE

DISLIVELLO: +600 m circa

DIFFICOLTÀ: E

TEMPO DI SALITA:  3,00 ore 

PERIODO CONSIGLIATO: autunno, estate, primavera

TOPONIMO: Arbouna in lingua locale, ovvero “grande albero” o “fra gli alberi”, ma anche riconducibile alla città di Narbonne, Francia del sud, indicano probabilmente una misteriosa origine Catara, persa fra le nebbie del passato.

48204859241_1010c7ed8c_k

PERCORSO

Dalla bellissima borgata di Collettosi prende il sentiero (segnavia R9) per Narbona.

48204859621_28f9acd9af_k

Proseguiamo su un sentiero stretto pieno di fiori,  fino ad entrare in un boschetto di latifoglie miste.

48204910732_cf9674d3d7_k

48204858261_a8a037e488_k

48204909017_d30d9f4919_k

Questo è il sentiero denominato “dei morti”, seguito da secoli dagli abitanti di Narbona per portare i loro defunti al cimitero di Campomolino.

48204908702_e825f05a47_k

Con leggera salita raggiungiamo un pilone votivo, oltre il quale si apre la Comba di Narbona.

48204854001_fcd265b615_k
pilone votivo

48204853466_b46cff4d5c_k

48204852251_1a3ec694c7_k

Continuiamo a inoltrarci lungo un sentiero in lieve salita con bei panorami sul torrente sottostante.

48204902402_db0cfab7a5_k

Attraversiamo un rio e oltrepassiamo un tratto di sentiero acquitrinoso, per entrare nuovamente in un tratto boscoso.

48204850016_66ea57e128_k

48204900882_6a30d44097_k

48204860607_dac47547b0_k

Muri a secco  e una lunga fila di frassini, preannunciano l’ingresso in Narbona.

48204848501_db15a4b32a_k
Narbona

48204899162_30d06e9eeb_k

La borgata costituisce un tipico esempio di insediamento montano. Sebbene le sue origini si facciano risalire al XII secolo, all’inizio del XX secolo Narbona visse il suo massimo sviluppo economico, arrivando a contare 120 abitanti e disponendo, negli anni compresi tra il 1926 e il 1957, perfino di una scuola. Tra gli altri edifici della borgata, vanno menzionati anche il forno comunitario e la Cappella della Madonna della Neve, restaurata per l’ultima volta a metà del XVIII secolo.
La chiusura della scuola ha coinciso con l’inizio dell’abbandono della borgata. Quasi l’intera borgata versa ormai in condizioni di avanzato degrado e, per visitarla, è necessario muoversi non senza rischi tra le macerie delle abitazioni.

48204898347_6516c74ba9_k
Cappella della Madonna della Neve

48204898087_a38eeb0a0f_k

48204844666_049b9c48b2_k

Lasciata Narbona, riprendiamo il nostro cammino verso le grange Coubertrand (1614 m).

48204845636_765f9a486b_k

Dalle grange Coubertrand parte una sterrata, che taglia il versante ovest della cresta del Balòu.

48204842141_8fb81067e0_k
sguardo verso il Crosetta e il Tibert
48204841171_600f1a1607_k
grange Coubertrand

Continuiamo il nostro  percorso verso le Rocche La Bercia e Colle la Bastia (1690 m), per poi iniziare la discesa che porta alla bella e soleggiata borgata Batuira (1612 m).

48204891252_85aeec7166_k

48204834771_814f4d5fe4_k
borgata Batuira (1612 m)

48204886132_63e159fd11_k

Invece di scendere subito a Colletto, decidiamo, un po’ per caso, di proseguire fino alle Grange Sarià. 

Si arriva prima alla sorgente Poutausét per poi proseguire verso le Grange Sarià. 

Ci troviamo al confine con la Valle Maria, da dove è possibile raggiungere il Colle Margherita, il Monte Chialmo e il Monte Plum. Qui sono presenti due massi con delle incisioni rupestri , il luogo è davvero suggestivo.

 48204881657_8b33f783b0_k

Le incisioni rupestri si presentano su due massi in calcare cristallino , situati in direzione sud. Si ipotizza che siano incisioni dell’età del Bronzo, entrambe eseguite con tecnica a percussione.

48204829416_52a5b138ce_k

48204825151_bba85433ea_k
interessante antropomorfo schematico sessuato, con due coppelline sotto le braccia

Sulla stesso masso in calcare è anche presente un foro.

48204828016_e07288306d_k

48204827531_87a3b291c1_k.jpg

48204869842_4f34df3a4a_k

Per il ritorno, da Campofei si ritorna a Colletto, seguendo le paline segnaletiche.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close