VALLE ELLERO, Monte Grosso (2041m)

Sfuggire al contagio della follia e della vertigine collettiva tornando a stringere per conto proprio, al di sopra dell’idolo sociale, il patto originario dello spirito con l’universo.

Simone Weil

 

Il torrente Ellero percorre la bella e poco frequentata vallata omonima. La vetta del monte Grosso è un ottimo punto panoramico per la Cima Cars (2204m), che mostra la sua imponente parete est. Visibili anche la cima Durand , la sella Bauzano ed il Mondolè.

NOTE TECNICHE

DISLIVELLO: +720m circa

DIFFICOLTÀ: E

TEMPO DI SALITA:  2,00 ore 

PERIODO CONSIGLIATO: autunno, estate, primavera

TOPONIMO: Il villaggio di Rastello è l’ultimo centro abitato della valle Ellero. I montanari raccontano che un tempo il villaggio era protetto da un recinto contro i lupi e gli orsi: da qui deriverebbe il toponimo (il termine Rastél, oltre a rastrello, significa staccionata, recinto).

fotopercorso_virtuale

PERCORSO

Arrivati a Roccaforte Mondovì, si svolta per Rastello e si risale la valle su strada abbastanza ripida.  Dopo il “Ponte Murato”, si lascia l’auto in località Pian di Mà (1330m).

DSC01476

DSC01478
Orchide sambucina (nome scientifico Dactylorhiza sambucina)

Incontro subito un’ orchidea sambucina, così chiamata per l’odore di sambuco che emanano alcune piante di questa specie.
Questa piccola orchidea, si può trovare in diverse gradazioni di colore, che vanno dal giallo, al rosa, al rosso porpora.

Attraverso il ponte di legno e mi dirigo verso un camioncino rosso, dove prosegue il sentiero.

DSC01479

DSC01481
camioncino da dove prosegue il sentiero

Seguo le tacche rosse e bianche, costeggiando il torrente, poi raggiungo il  rio Curassa ed inizio la ripida salita.

DSC01484

Attraverso un bosco di ontani e rododendri, fino ad arrivare ad un bel pianoro.

DSC01508
zoom su cima Cars alle mie spalle

Alle mie spalle splende la parete est della bellissima cima Cars (2218 m).

DSC01513
Scarabeo stercorario

Sotto di me, invece, si muove lentamente un bellissimo scarabeo stercorario. Il suo fascino è dovuto alle sue abitudini: si orientano attraverso la luce emessa dalla Via Lattea per trasportare la loro pallottola di sterco verso un nascondiglio. Le pallottole di sterco servono come riserva di cibo, o come protezione delle uova. Se incontrano un ostacolo, cercano di superarlo scavalcandolo, senza cambiare direzione.

Egypt.KV6.04

Lo scarabeo stercorario era anche venerato nell’Antico Egitto, era infatti collegato a Khepri, il dio del Sole nascente, che si supponeva creasse il Sole ogni giorno in modo analogo a quello con cui lo scarabeo crea la pallottola di sterco.

DSC01531
il Mondolé ancora innevato
DSC01540
ancora sguardo indietro sulla cima Cars
DSC01555
orchidea gialla

Continuo a seguire il rio, poi lo oltrepasso verso destra, raggiungendo un prefabbricato.

DSC01563

Proseguo in salita attraversando alcune roccette, fino a giungere alla sella di Piandimale  dove sorge una costruzione in pietra che fu rifugio partigiano nel 1944.

DSC01579
Piandimale

Mi dirigo verso destra,  percorrendo un sentierino che mi porta verso sinistra nei pressi della Colla Rossa (1960 m).

DSC01608
verso Colla Rossa

DSC01609

DSC01610

Ritorno verso destra per raggiungere in breve la sommità del Monte Grosso.

DSC01617

DSC01620
panorama dal Monte Grosso (2041 m)

DSC01618

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close