VALLE STURA Anello delle borgate di Valloriate e l’Arbou ‘dla Moutta

“Poetry is prose bewitched, a music made of visual thoughts, the sound of an idea.”

Mina Loy (27 December 1882 – 25 September 1966)

Meraviglioso anello tra le borgate di Valloriate.

Il Censimento del 1951 riporta in tutto 41 borgate abitate a Valloriate. L’Atlante toponomastico del Piemonte montano, edito nel 2001, ne ricorda 42, oltre a un considerevole numero di casolari isolati (chabòt o semplicemente acò ’d) o di ruderi.

Le borgate si sono svuotate in un arco di tempo compreso fra il 1965 e il 1985, a una velocità impressionante. Restano molte borgate “dimenticate” e abbandonate, alcune anche di grandi dimensioni e di notevole valore storico e architettonico, in fase di rapido degrado quando non completamente o parzialmente crollate.

NOTE TECNICHE

DISLIVELLO: circa 400

DIFFICOLTA’: E

TEMPO DI SALITA: circa 3,5 ore

PERIODO CONSIGLIATO: autunno, estate, tarda primavera, inverno. 

CARATTERISTICHE : Un passato legato a doppio filo alla castanicultura, che per le genti di Valloriate ha rappresentato per tanti secoli la principale forma di sostentamento. E proprio per documentare l’importanza di questa pratica, oltre al legame fortissimo che ancora si mantiene tra le genti di Valaouria (come si dice in dialetto Occitano) e la “ghianda di Giove”, è sorto nel 2001 il piccolo Museo del Castagno.

TOPONIMO: Il toponimo Valloriate, che già compare in un documento del 1197, significherebbe “vallis aurea” cioè valle in cui erano sfruttate miniere d’oro. O si tratta forse di una derivazione dal gentilizio romano “Aurius”, allora il toponimo indicherebbe il “villaggio della valle di Aurio”. 

 

PERCORSO

cartina

Si parte dalla piazza del Municipio di Valloriate (795m) e si percorre a ritroso la strada asfaltata fino ad un cartello che indica “Gaiola, Roccasparvera, Borgo S. Dalmazzo.”

DSC08534

Ci si immerge da subito nel silenzio del bosco.

DSC08539

Troviamo subito dei ruderi di antiche abitazioni ormai “divorati” dalla vegetazione. Eppure, questi luoghi abbandonati, hanno un certo fascino, fanno pensare a storie, vicissitudini e al tempo che scorre inesorabilmente. 

DSC08557

DSC08560

DSC08568

Proseguiamo il nostro cammino verso la Cappella di S. Bernardo.

DSC08578

DSC08581Cappella di San Bernardo

La Cappella di San Bernardo è situata in posizione panoramica, ha un campanile slanciato e un ampio porticato con massicce colonne quadre da cui spuntano pietre irregolari. L’orditura del porticato è recente e in buono stato, la copertura è stata rifatta a lamiera preverniciata. La facciata è completamente affrescata con diversi riquadri.

51671853157_d4894c3af4_k (1)facciata della Cappella di San Bernardo

DSC08583

Dalla Cappella di San Bernardo ci dirigiamo verso l’Arbou ‘dla Moutta, il secolare castagno che abita in questi boschi.

É un maestoso castagno di circa 500 anni, qualità “Gentile”, 7.50 mt di circonferenza alla base, alto 21 metri, con 18 metri di chioma.

DSC08595

Non ci rimane che restare in ascolto. 

DSC08607

DSC08611

Salire su questo castagno mi ha riempito di gioia. Abbiamo passato molto tempo vicino a questo gigante.

DSC08627

Ci rimettiamo in cammino e proseguiamo verso la Cappella della Mutta. Il percorso è sempre ben segnalato.

DSC08630Borgata Mutta 

DSC08633

DSC08634spiando dalla finestra della Cappella di Sant’Anna 

La Cappella di Sant’Anna risale al 1783, si trova vicino alla borgata inferiore della Mutta, il toponimo indica un mucchio di terra ammassato a formare una collina artificiale più o meno grande. 

Continuiamo il nostro percorso verso la borgata Chiotti Sottano.

DSC08660

Siamo rimaste molto affascinate da questa borgata. Abbiamo trovato giornali e calendari datati fine anni settanta.

DSC08668particolari della borgata Chiotti Sottano

DSC08675

DSC08691particolari della borgata Chiotti Sottano

DSC08698particolari della borgata Chiotti Sottano

Arriviamo fino alla borgata Chiotti Soprano per poi ritornare a Valloriate passando dalla borgata Prato.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close