VALLE STRETTA Monte Thabor (3178 m)

“I don’t have a sense of time. Time is timeless to me..

Nico (Colonia, 16 ottobre 1938 – Ibiza, 18 luglio 1988)

 

NOTE TECNICHE

DISLIVELLO: circa 1500

DIFFICOLTA’: E

TEMPO DI SALITA: circa 5 ore

PERIODO CONSIGLIATO: estate, autunno

CARATTERISTICHE: Le Cozie Settentrionali sono un gruppo montuoso piuttosto eterogeneo. La porzione occidentale è intagliata prevalentemente in rocce sedimentarie, soprattutto dolomie, calcari e quarziti. Il paesaggio che ne deriva è un paesaggio tipicamente “dolomitico”, che ricorda da vicino gli scenari delle Alpi Orientali. Le montagne si presentano in gran parte molto aspre e rocciose, con spettacolari torrioni, pareti verticali, guglie che sfidano la forza di gravità, enormi colatoi e ghiaioni multicolori.

TOPONIMO: Due ipotesi coesistono circa il nome del monte. La prima lo rapporta al monte Tabor in Israele; la seconda deriva da tradizioni locali.

cartina

PERCORSO

Il Monte Thabor (3.178 m detto anche monte Tabor) è una montagna delle Alpi Cozie. Geograficamente la Valle Stretta fa parte del bacino del Po, è la più occidentale di questo bacino e quindi delle Alpi italiane. Dopo il trattato di pace del 1947 è entrata a far parte del territorio francese ed è stata aggregata al comune di Névache.

Il programma è di arrivare verso sera e dormire vicino al Lago Verde e il giorno dopo affrontare la lunga salita verso il monte Thabor. Così io e Luca arriviamo nel tardo pomeriggio a Les Grange de la Vallée Etroite. Il tempo di percorrenza per arrivare al lago è di circa 45 minuti.

1° GIORNO

Dal parcheggio di Les Grange de la Vallee Etroite (1760m) si segue la strada che in breve conduce ad un gruppo di case, con indicazione per il vicino Rifugio I Re Magi.

DSC06560

DSC06567

DSC06569
sguardo indietro

Si procede poi su sterrata incontrando dopo un breve tratto il bivio per il Lago Verde. Arrivati al bivio si gira verso destra fino ad arrivare ad un piccolo ponte di legno che attraversa il Rio della Valle Stretta. Da qui inizia la parte un po’ più faticosa, quella in salita, che non è però troppo lunga. Il percorso poi continua in un bosco di coniferedove inizia una discesa. Già da questo punto, tra i rami degli alberi, iniziamo ad intravedere le meravigliose sfumature color smeraldo del Lago Verde (1830 m). 

DSC06573

DSC06588
Lago Verde (1830 m)

I colori del lago sono davvero eccezionali e vanno dal verde smeraldo al blu. Nella trasparenza dell’acqua si può ammirare il fondale composto da tronchi di antichi larici.

DSC06597

DSC06592

Il tempo di montare la tenda e fare qualche scatto e giunge la notte. Il cielo si riempie di stelle.

DSC06611

2° GIORNO

DSC06635

Ritorniamo al bivio per il Lago Verde, procediamo ancora su sterrata, che perviene nei pressi della Maison des Chamois (2090 m), dove si incontra un bivio al quale si trascura la sterrata a destra, per deviare a sinistra seguendo l’indicazione per il Col du Vallon.

DSC06637

Dopo poco si continua dritti su sentiero che fra distese prative, superando poi una china erbosa, conduce a riallacciarsi alla sterrata abbandonata poco prima, raggiungendo in breve un pianoro attraversato da un rio con ponticello in legno al Prat du Plan (2208m).

DSC06639
meravigliosi colori autunnali
DSC06640
Grand Serou

Da Prat du Plan (2208m) si trascura la deviazione a sinistra su traccia per i Lac Lavoir andando invece a costeggiare un grazioso rio che forma anche alcune piccole cascatelle.

DSC06655

Dopo aver attraversato una modesta pietraia si abbandona il rio e si procede in salita più decisa su di una meravigliosa distesa prativa, dominati a destra dai Serous e a sinistra dal Gran Adritto, con sempre con il Thabor visibile sullo sfondo, fino al Col des Meandes (2718 m).

DSC06658
zoom sul Gran Adritto
DSC06659
verso il monte Thabor che si intravede a destra, chiaro
DSC06661
zoom sul monte Thabor

Trascurando il sentiero a destra, che conduce al Refuge du Thabor, si svolta invece a sinistra attraversando il piccolo pianoro che porta all’inizio del pendio detritico.

DSC06675

DSC06694

Iniziano quindi alcuni tornanti per poi raggiungere un’ampia cresta da risalire con qualche traverso fino ad un’insellatura alla base dell’ultima ripida rampa che conduce in vetta.

DSC06697

I colori e le sfumature della terra sono incredibili.Alla nostra destra si apre un ventaglio di imponenti cime.

DSC06706 copyQuesta si risale piuttosto faticosamente su piccoli sfasciumi, raggiungendo quindi la Cappelletta di Nostra Signora del Thabor.

DSC06711
Cappella di Nostra Signora del Thabor
DSC06714
Dalla Cappella del Monte Thabor vista sull’affilato picco innominato di 3105m
DSC06718
Cappella di Nostra Signora del Thabor

Dalla Cappella di Nostra Signora del Thabor, con un ultimo sforzo, si giunge sulla pianeggiante vetta del Monte Thabor (3178m).

DSC06772
Monte Thabor (3178m)

Panorama vasto e spettacolare.

DSC06789
La Comba del Lago Bianco ripresa dalla cima del Thabor
DSC06792
sguardo verso la Cappella di Nostra Signora del Thabor

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close