VALLE MAIRA Giro dell’ Oronaye (3100 m)

“Un attimo di vera beatitudine! È forse poco per riempire tutta la vita di una persona?” 
Fëdor Michajlovič Dostoevskij 

Meraviglioso anello al cospetto del monte Oronaye,  massiccio roccioso fasciato alla base da ampie colate detritiche che si trova sullo spartiacque alpino principale tra Italia e Francia; si  attraversano suggestivi luoghi della valle Maira, della valle Ubayette e della valle Stura. Il giro si compie in due giorni dormendo in tenda nei pressi del lago di Roburent, oppure dove si vuole, cercando sempre di suddividere bene il dislivello e le ore di cammino nei due giorni.

giro_oronaye

NOTE TECNICHE

1) PRIMO GIORNO: VIVIERE (1713 m) – LAGHI DI ROBURENT (2430 m) (Viviere, Colletto, Bivacco Bonelli, colle del Villadel/ col du Boeuf, laghi di Roburent)

DISLIVELLO:  1666 m

DIFFICOLTA’: EE

TEMPO DI SALITA: circa 8 ore

PERIODO CONSIGLIATO: estate

TOPONIMO: Secondo Michelangelo Bruno, Oronaye, è un toponimo che rispecchia il senso di luogo roccioso elevato (radice prelatina *or), riscontrabile inoltre anche nel greco òros, montagna. 

1 giorno

 

PERCORSO 

Da Viviere lasciamo l’auto dove inizia il tratto sterrato sulla strada che sale a Prato Ciorliero.

DSC05838.jpg

Raggiungiamo in poco tempo la conca con la grangia Gorra (1914 m).

DSC05841
grangia Gorra (1914 m)

Seguendo la mulattiera che l’aggira a destra, entriamo nel lungo vallone di Enchiausa. Seguiamo le tacche rosso/blu del sentiero Cavallero.

DSC05845
sentiero Roberto Cavallero
DSC05848
verso il Colletto
DSC05851
strana roccia a forma di gorilla

DSC05864

Lungo la salita, passato un roccione, perveniamo a un bivio, seguiamo a destra il sentiero Cavallero che conduce al Colletto (2690 m).

Proseguiamo in direzione Nord-Ovest nel Vallonetto, avendo come riferimento l’evidente colletto individuabile per il caratteristico dente che lo divide. Raggiunta la testata del vallone, risaliamo il ripido canale al centro sulla verticale dello spuntone roccioso.

DSC05876
il Colletto (2690 m)

DSC05885

Dal Colletto scendiamo lungo un tratto ripido e franoso dirigendoci verso il vallone del Vallonasso di Visaisa.

DSC05890
monte Maniglia in lontananza
DSC05891
seguire le indicazioni per il Bivacco Bonelli
DSC05898
il lago Visaisa e dietro la Rocca Provenzale

La salita prosegue con svariati tornanti lungo la china di un accumulo detritico. Raggiunto un pianoro erboso, si percorre un’ultimo tratto fino alla conca del Lago d’Apzoi

DSC05908
lago d’Apzoi (2303 m)

Il Lago d’Apzoi è un ampio specchio d’acqua. Su un dosso nei pressi del lago sorge il piccolo Bivacco Bonelli, costruito nel 1987, le cui chiavi possono essere ritirate a Ponte Maira.

Il lago giace sul fondo di un’ampia conca dalla forma irregolare, impostata su rocce calcareo-dolomitiche. È sovrastato a sud-ovest dall’Auto Vallonasso (2886 m) e a sud-est dal Monte Oronaye (3100 m); a nord declivi erbosi più dolci salgono verso il Colle delle Munie (2531 m) ospitando l’omonimo laghetto.

La conca che ospita il lago è stata originata principalmente da fenomeni glaciali, ma è poi stata ampliata e approfondita dal carsismo. Per via dell’elevata permeabilità del fondale, data dalla natura di queste rocce, il Lago d’Apsoi ha un livello acqueo estremamente variabile: ad agosto (a meno che l’estate non sia molto piovosa) di solito si presenta già dimezzato come estensione, e può capitare, in estati particolarmente siccitose, che il lago si riduca ad una piccola pozzanghera.

DSC05905
bivacco Bonelli
DSC05912
il monte Oronaye (3100 m) in alto a destra 

Il sentiero prosegue innalzandosi verso destra e raggiunge una grande prateria costellata da piccoli laghetti. Prendiamo  a sinistra il sentiero per il Colle del Villadel.

DSC05917

In breve si arriva al panoramicissimo colle del Villadel (2631 m).

DSC05931
colle del Villadel o Col du Boeuf (2631 m)

Dal valico è possibile salire facilmente sulla cima delle Manse (2727 m).

Noi proseguiamo verso il lago dell’ Oronaye e i laghi di Roburent.

DSC05950
zoom sul monte  Oronaye (3100m)
DSC05951
maestosa Oronaye (3100 m)
DSC05952
percorso inziale per la salita sull’Oronaye
DSC05956
col de Roburent (2495 m)

Dal Col de Roburent, proseguiamo verso il lago superiore di Roburent (2428 m), dove sistemeremo la nostra tenda.

DSC05960
lago superiore di Roburent (2428 m)

DSC05967

DSC05995
notte stellata sul lago

DSC05998

 

2) SECONDO GIORNO: LAGHI DI ROBURENT (2428 m) -VIVIERE (1713 m). (Monte Scaletta, Passo Peroni, bivacco Le Due Valli, Colletta Vittorio, Prato Ciorliero, Viviere)

DISLIVELLO:  Differenza altimetrica 1111 Meter (1704 a 2815 Meter)
Ascesa totale 454 Meter
Discesa totale 1231 Meter

DIFFICOLTA’: EE

TEMPO DI SALITA: circa 7 ore

PERIODO CONSIGLIATO: estate

TOPONIMO: Secondo Michelangelo Bruno, Scaletta, localmente detta l’Eschaléto, è un toponimo provenzale che si pone in riferimento a un tipo particolare di sentieristica (a scalinata) su pendii ripidi e dirupanti.

giorno 2 a

giorno 2 b

Oggi saliremo sul monte Scaletta, massiccia montagna sulla cui cima panoramica, si trovano ancora i resti di una ex postazione militare risalente all’ultimo conflitto mondiale.

Dai laghi si seguono le indicazioni verso il Colle Scaletta.

DSC06003
le trune, ricoveri militari, viste salendo al colle Scaletta
DSC06006
colle Scaletta (2614 m)
DSC06016
verso il Monte Scaletta (2840 m)

A sinistra del Colle Scaletta, parte un percorso verso il monte Scaletta. 

Ci inerpichiamo su un ripido terreno roccioso. Dopo poco troviamo subito il tunnel che ci conduce sul lato Val Maira.

DSC06021
tunnel che attraversa la montagna
DSC06023
dentro il tunnel

Oltre il tunnel percorriamo un ripido canale.

DSC06032
percorso dopo il tunnel

Seguendo le tacche percorriamo gli ultimi metri che ci separano dalla vetta.

DSC06037

DSC06049
opera del Vallo Alpino del Littorio con a sinistra la croce di vetta del monte Scaletta (2840 m)
DSC06065
ottima finestra per l’osservzione dell’Oronaye, la cornice ha una forma simile al percorso ad anello  tracciato con il gps

Il monte Scaletta ospita diverse opere del Vallo Alpino del Littorio, che aveva qui uno dei suoi capisaldi (caposaldo della Scaletta). In particolare, in vetta è presente un’opera sotterranea che aveva funzioni di osservatorio. L’opera è costituita da un ingresso, un corridoio ed un ampio stanzone, parzialmente crollato, da cui si diramavano tre tunnel. I due tunnel frontali portavano a due malloppi di osservazione, i cui resti sono ancora visibili nelle immediate vicinanze della vetta, mentre un terzo tunnel laterale portava ad una postazione per fotoelettrica. A poca distanza dalla vetta, sul lato della val Maira, è ancora visibile la stazione di arrivo della teleferica che garantiva il rifornimento all’osservatorio. Il sentiero di accesso dal colle della Scaletta attraversa un’ulteriore opera, che era costituita da uno stanzone centrale e da due postazioni per mitragliatrice, ospitate in malloppi esterni. Altri malloppi secondari erano presenti nei pressi del colle della Scaletta, nei cui pressi, dal lato della valle Stura, sorgeva anche una caserma della Guardia alla Frontiera, oggi ancora presente benché in parte inagibile. Tutte le opere furono rese inutilizzabili mediante demolizione con esplosivo in seguito alla sconfitta italiana nella seconda guerra mondiale.

DSC06061
teleferica e panorama verso la Valle Maira

Inizia qui la parte più spettacolare della gita e cioè il tratto in cui il SRC (Sentiero Roberto Cavallero) si snoda lungo l’articolata cresta sud spostandosi ora sul lato della valle Maira, ora su quello dello valle Stura. 

DSC06071
scorci dolomitici
DSC06078
brevi passaggi su cenge leggermente esposte sono attrezzati con catene

DSC06096

DSC06098
centrale una simpatica roccia a forma di dito medio alzato 😉
DSC06097
meravigliosi torrioni rocciosi
DSC06100
ci incantano una distesa di pietre coloratissime

In fondo, tra la Rocca e il Bric, si apre l’insellatura di Passo Peroni (m. 2578) che si raggiunge al termine di una ripidissima risalita.

DSC06104
Passo Peroni (2578 m)

Superato il Passo Peroni, l’itinerario piega a sinistra (ovest).

DSC06108

Alcune catene facilitano la discesa lungo un ripido e malagevole canalino terroso (nessuna difficoltà) che conduce alla sottostante Colletta Vittorio (m. 2522).

DSC06117
catene in discesa verso la Colletta Vittorio (m. 2522)

DSC06119

A quota 2270 si incontra la Caserma dell’Escalon 

Dalla Caserma dell’Escalon, in breve tempo, si ritorna a Viviere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close