MAROCCO Tour e cima del Toubkal ⵜⵓⴱⴽⴰⵍ (4167 m)

Imlil, il villaggio da cui inizia questo meraviglioso percorso, Si trova a 63 km a sud dalla città di Marrakech, nell’Alto Atlante e nel parco nazionale di Toubkal.

Questo tour si può fare in 5 o 6 giorni, io e Malika l’abbiamo percorso in 6 giorni a causa dei numerosi temporali.

Ad Agosto il clima, nonostante si tratti del Marocco, è piuttosto freddo la sera, contando anche l’umidità delle continue piogge estive. 

Noi ci siamo munite di tenda, pensando che, in alcuni luoghi, fosse assolutamente necessaria.

Se si vuole viaggiare più leggeri si può benissimo farne a meno, per ogni tappa c’era una possibile sistemazione, adattandosi anche a luoghi piuttosto “rustici”.

Volendo si può chiedere a un berbero della zona di trasportare i bagagli più pesanti sul dorso del suo mulo, cosa che noi abbiamo fatto.

Gli aspetti positivi sono che lui conosce la strada e può viaggiare anche la mattina presto al buio. (Da notare che non ci sono pannelli con indicazioni per i vari sentieri ma soltanto qualche labile traccia bianca.)

Gli aspetti negativi, sono la difficile comunicazione con lui, nonostante la mia amica fosse berbera e la presenza di una persona in più, che comunque condiziona l’escursione. 

Se dovessi rifarlo viaggerei con bagaglio più leggero e senza mulo, anche se, l’incontro e la presenza di Loubna, la bellissima cavalla di Hassan, è stato significativo, direi fondamentale per il mio viaggio.

In Marocco dobbiamo dimenticarci del tempo così come noi lo intendiamo, ovvero come Kronos, lo scorrere delle ore. Su quelle terre di incredibili sfumature, scorre l’ Aion, un tempo profondo, per cui un’ azione è sempre già accaduta e sta sempre per accadere. 

È il tempo che regna sempre sulle vette di ogni luogo, l’atto del compiersi non esiste, l’azione rimane lì, svuotata, pura, eterna.

NOTE TECNICHE

DISLIVELLO: 

1) IMLIL – RIFUGIO TOUBKAL: 1500m (5 ore di cammino)

2) RIFUGIO TOUBKAL – CIMA TOUBKAL: 967m (5 ore di cammino andata e ritorno)

3) RIFUGIO TOUBKAL – AMSOUZART: salita 480m + discesa 1940m (7 ore di cammino)

4) AMSOUZART – AZIB LIKEMT: salita 1360m + discesa 510m (7 ore di cammino)

5) AZIB LIKEMT – IMLIL: salita 955m + discesa 1855m (9 ore di cammino)

DIFFICOLTA’: EE

TEMPO DI SALITA: dalle 5 alle 9 ore al giorno

PERIODO CONSIGLIATO: Estate, inverno

CARATTERISTICHE: Il massiccio si è costituito fra il giurassico e il cretaceo con formazioni intagliate da profonde valli di erosione scolpite.

TOPONIMO: In berbero: ⵜⵓⴱⴽⴰⵍ, Tubkal, significa: ”la vetta da cui si vede tutto”.

PERCORSO

1) IMLIL – RIFUGIO TOUBKAL: 1500m (5 ore di cammino)

 Imlil (1800m)

Lungo percorso con un discreto dislivello ma su buon sentiero.

Seguendo la strada principale di Imlil, ci dirigiamo verso il secondo villaggio Aremd.

 Aremd

Malika che si bagna il cappello 

Seguire a sinistra il sentiero che porta fino a Sidi Chamarouch. Quest’ ultimo è un marabutto, un asceta, che attira molti marocchini in pellegrinaggio per guarire malattie. 

Sidi Chamarouch

Ci sono molti piccoli punti di ristoro che vendono bevande e preparano tajine. (piatto unico marocchino, stufato di carne o pesce con verdure tipico della cucina nordafricana, viene preparato con la tradizionale pentola “a cono”).

L’accesso al marabutto è consentito solo ai musulmani.

Il sentiero prosegue sulla riva sinistra del fiume.

 dopo la pioggia 

“…What though the radiance which was once so bright

Be now for ever taken from my sight,

Though nothing can bring back the hour

Of splendour in the grass, of glory in the flower;

We will grieve not, rather find

Strength in what remains behind….”

“…Ciò che per radianza era così luminoso

Sia preso per sempre dal mio sguardo

In quanto niente può far arretrare

L’ora di splendore nell’erba

Di gloria nel fiore

Non siamo più addolorati,

Piuttosto troviamo forza in ciò che è rimasto indietro…”

William Wordsworth. 1770–1850. 536. Ode Intimations of Immortality

In lontananza si intravede il rifugio Toubkal, rifugio custodito dove è necessaria la prenotazione. 

 rifugio Toubkal

http://www.refugedutoubkal.com/

2) RIFUGIO TOUBKAL – CIMA TOUBKAL: 967m (5 ore di cammino andata e ritorno)

 Io e Malika ci godiamo la prima luce del mattino dal rifugio

Il sentiero inizia alle spalle del rifugio verso sinistra, attenzione a non proseguire dritto. Chiedere comunque della comba Ikhibi Sud. 

Continuare sempre mantenendo la sinistra e seguire il sentiero della comba dove si presentano grandi rocce con segni bianchi.

Poi si prosegue verso destra, una ripida salita di pietrame e sfasciumi, che ci conduce verso Tizi n’Toubkal (3950m).

 sguardo indietro

40519738744_607680deae_z

 l’uomo a destra segna il punto del Tizi n’Toubkal

Si segue l’ultimo crestone verso sinistra per arrivare facilmente alla vetta.

 ultimi sforzi poco prima della vetta

39424732510_94812e533a_z

 vetta del Toubkal (4167m)

 Malika in vetta con le capre

Il panorama è straordinario: verso sud si intravedono le ondulazioni desertiche del Tifnout, con il Djebel Siroua all’orizzonte; a nord il villaggio di Aremd e Haouz.

Bellissime cime vicine sempre intorno ai 4000m, come Adrar Bou Ouzzal, Ouanoukrim, Biguinoussène.

 Malika che si gode il panorama

40338470815_92b29db9d4_z

 vetta Toubkal

Uno spettacolo che rende difficile il distacco,salvo in presenza di vento o grandine, come nel nostro caso.

In realtà è una leggera grandine che scendendo diventa pioggia tenue per poi diventare una presenza più disturbante nell’ultimo tratto finale verso la nostra tenda.

Purtroppo, scopriremo presto, che la pioggia ci farà visita tutti i pomeriggi del nostro trekking.

3) RIFUGIO TOUBKAL – AMSOUZART: salita 480m + discesa 1940m (7 ore di cammino)

 la nostra tenda con vista rifugio Toubkal

 dietro al rifugio con i nostri nuovi compagni  di viaggio: Hassan e la sua cavalla Loubna, che ci ha gentilmente risparmiato dal peso dei nostri zaini

Dopo la breve salita verso il colle dietro il rifugio Toubkal, lunga discesa verso un vallone selvaggio e minerale, interrotto dalla presenza di un bellissimo lago, dove è possibile fare un bagno prima di proseguire verso il villaggio di Amsouzart.

Dal rifugio Toubkal, dunque, si prosegue verso la riva sinistra del vallone. Alla seconda distesa pianeggiante (3400m), si passa sul versante destro e si sale verso Tizi n’Ouanoums (3400m) passando su una bella mulattiera.

salita verso Tizi n’Ouanoums (3400m)

mula offesa per il carico un pò eccessivo

27360724688_d1a3798644_z
27360721758_09a5f2caf2_z

 Malika come una montagna tra le montagne

 le nuvole che ci seguono sempre minacciose

 arrivo al Tizi n’Ouanoums (3400m)

40337859465_c22af60464_z

 bellissimo panorama, si intravede in fondo il lago

Si discende la comba su un sentiero a tratti scivoloso ma affascinante per i numerosi minerali che si trovano e le pietre color verde.

41190578892_0e808c8f57_z

 sentiero scivoloso verso il lago d’Ifni

 meravigliose rocce dorate

 Poco prima del lago d’Ifni, si presenta un paesaggio maestoso: un deserto di pietre. 

41234724621_7cc8d56134_z (1)

 deserto di pietre prima del lago d’Ifni

Vicino al lago piccoli punti di ristoro.

Seguire la riva sinistra del lago.

40520205104_d61f7be497_z

 Hassan, ci fa percorrere un sentiero alternativo proseguendo verso sinistra, molto panoramico.

 lago d’Ifni

 meravigliose montagne verso Amsouzart

Poi si scende il vallone e si raggiunge un sentiero che ci conduce verso i villaggi di Imhilène, Tisgouane e Takatert.

villaggio di  Imhilène

 Malika aiuta una signora a cui sono cadute le mele

 mi ha fatto subito pensare al grande Olmo di Berlinde De Bruyckere al Padiglione Belgio della Biennale di Venezia del 2013

 la casa dei miei sogni, piccola su una roccia, intorno il nulla

 forse io da vecchia che mi dirigo a casa?! 😉

Dopo il villaggio di  Takatert, si prosegue la discesa fino a Amsouzart. 

C’è una comoda gîte d’étape(piccoli alberghi nei villaggi) segnalata sulla destra.

Ci sono alcuni negozi e trasporti verso Marrakech nel caso fosse necessario un rientro immediato.

4) AMSOUZART – AZIB LIKEMT: salita 1360m + discesa 510m (7 ore di cammino)

Questo bellissimo percorso l’ abbiamo affrontato due volte a causa di un temporale molto violento.

Il primo giorno, infatti, poco prima di giungere a Tizi n’Ouraï, ci ha sorpreso una pioggia violenta che ha formato uno straordinario quadretto: io, Malika e Hassan, al riparo sotto la cavalla Loubna.

dal  DIARIO DI VIAGGIO

La pioggia divenne ben presto grandine. Seguendo l’esempio di Hassan, mi precipitai sotto la cavalla Loubna. Ero sotto di lei e mi reggevo tenendomi stretta alla sua zampa, quella stessa zampa che anni prima mi aveva colpito ad Haiti.

Mi sentivo piena di forza, ero pronta a sopportare la pioggia, la grandine, il vento, a riparare Malika. In quel momento mi avvolgeva una gioia profonda, quasi come se quell’evento fosse stato un dono dell’amata Tabia. (natura in arabo)

Loubna, possente sopra di me, così vicina, come mai prima d’ora, mi fece pensare ancora una volta a quello che intuivo dall’inizio del percorso: <<Loubna è la vita, piena di forza e di bellezza, avvolta nel suo mistero. Ma è legata e infiocchettata, proprio dalla vita stessa. La vita, come può liberarsi dalla vita?>>.

Un tempo, l’Aiôn, quel divenire puro, assoluto, questo presente in cui scrivo e il presente di ogni lettore.

Hassan decise poi di ritornare al villaggio. Sul finire della pioggia, incontrammo un signore che ci accolse sorridente nella sua piccola dimora. Ci fece entrare, parlava solo in arabo. Ci offrì un te’ e delle noci, quel villaggio ne aveva tantissime. Aveva numerose figlie e un figlio. Erano tutte piccole. Avranno avuto 10 anni o forse meno e si strinsero intorno a me e Malika. In quella stanza piena di tappeti colorati c’era pochissima luce e gli occhi delle bambine brillavano maggiormente. Vedevo che ci osservavano come se fossimo state due presenze insolite e forse lo eravamo. Mi venne in mente subito che dovevo far loro dono di qualcosa. In qualche modo volevo dar loro quel bello che loro mi avevano appena donato con la loro semplicità e gentilezza. Così pensai al mio braccialetto. Era un braccialetto fatto di tante palline colorate che facevano luce nel buio. Lo ruppi e ne feci tre. Penso ancora ai loro occhi che osservano al buio quel bracciale che brilla come le stelle.

Cose quaggiù sì belle. Altre il mondo non ha, non han le stelle.

-Giacomo Leopardi – Amore e morte (canto XXVII)-

Foto del primo tentativo fino all’arrivo del temporale

 un bambino che gioca con noi

 verso le nuvole

 poco prima della tempesta

Il secondo giorno siamo riuscite nell’impresa partendo molto presto la mattina. Questa organizzazione è costata molta fatica, una lunga lotta con Hassan che voleva svegliarsi più tardi ma che, per non volerlo ammettere, diceva che era meglio ritornare a Marrakech dal villaggio, che il tempo non era stabile e che poteva essere molto pericoloso. Di questo era sicuro anche il gestore della gîte d’étape, Omar, che oltre a dire che era molto difficile quel percorso, diceva anche che certi villaggi, indicati sulla mia cartina, in realtà non esistevano, diceva:  “un errore dei francesi!”. 

Io e Malika, nonostante gli avvertimenti e il presagio del mattino, un pipistrello che entrò prepotentemente nella stanza alle 4 del mattino, decidemmo di partire!

Felici, raggianti, radiose più che mai!

Per affrontare il percorso, occorre risalire la parte alta del villaggio, dalla gîte d’étape Omar, girare a sinistra e proseguire lungo la salita.

Questo sentiero attraversa una cresta, poi s’incurva a destra per raggiungere un torrente affluente dell’asif Tisgui. Si attraversa il torrente e si raggiunge il villaggio di Tagounit. Seguire il sentiero che si eleva sopra Tagounit fino ad arrivare al primo colle (2950m).

 Loubna felice del fresco mattutino

 sentiero per raggiungere Tizi n’Ouraï

Un bel sentiero ci conduce fino a Tizi n’Ouraï (4,30h da Amsouzart).

 Malika e Loubna sul Tizi n’Ouraï (3109 m)

 io e Malika a volteggiare sul Tizi n’Ouraï (3109 m)

 sguardo verso Azib Likemt

Sull’ altro versante del colle, percorrere la lunga discesa che segue il torrente (asif Tinzer), per poi seguirlo verso nord.

 torrente Asif Tinzer

Dopo 30 minuti di cammino, lasciare a destra il sentiero che s’innalza verso il Tizi Tougroudadène e continuare verso nord lungo il torrente Asif Tinzer che forma delle belle gole caratteristiche. 

 caratteristiche gole dopo il torrente Asif Tinzer

 Malika sugli scalini della “cattedrale di roccia”

 alcune simpatiche caprette lungo il percorso

Poco più avanti troviamo una cascata, il torrente Asif Tinzera e un sentiero sulla destra che ci fa giungere a un colle per poi ridiscendere ed arrivare a Azib Likemt (2,30 h dopo il Tizi n’Ouraï).

 Loubna finalmente libera dal suo pesante carico 

Si può sistemare la tenda vicino a delle casette di pietra che offrono anche bibite.

Se il fiume fosse in piena e per cui ci fosse pericolo chiedere ai contadini della zona riparo. A noi, proprio per questa ragione, hanno affittato una stanza, molto rustica, per 40 dirham (all’incirca €4,00)

 fiume in piena

 il nostro rustico hotel

 

5) AZIB LIKEMT – IMLIL: salita 955m + discesa 1855m (9 ore di cammino)

Ultimo giorno, tragitto molto lungo ma bello.

Dalla tenda e dalle case di pietra, bisogna salire lungo un percorso che procede dietro le case, alle spalle del fiume.

 partenza all’alba

 meravigliosa luce del mattino

 quasi arrivate a Tizi Likemt (3540 m)

Il percorso risale verso nord, per poi procedere serpentinamente verso la destra del vallone, fino ad arrivare a Tizi Likemt (3 ore da Azib Likemt).

Dal colle meraviglioso panorama sui villaggi sottostanti e verso sud sul Jbel Iferouane (3996m).

magnifico panorama da Tizi Likemt (3540 m)

Tizi Likemt (3540 m)

 verso il villaggio di  Tachdirt

Scendere il colle dal versante opposto, che raggiunge in breve l’asif Imenane e il villaggio di Tachdirt, dall’altra parte del fiume. (3 ore)

Volendo si può pernottare a Tachdirt, c’è un rifugio del  Caf.

Noi abbiamo proseguito fino a Imlil. 

Da Tachdirt proseguire verso Tizi n’Tamatert. Sul versante opposto del colle scegliere la via più corta per Imlil (la via con i pini) (1,30ore)

Arrivate a Imlil eravamo piuttosto stanche ma siamo riuscite a contrattare il prezzo del trasporto con Hassan, che voleva che gli pagassimo un giorno in più, e siamo riuscite a comprare un berretto di lana a 30 dirham, € 3,00 e due magliette con vetta Toubkal per circa € 4,00. Ovviamente tutto merito di Malika! 

Abbiamo mangiato e la fortuna ha voluto che trovassimo un taxi privato, per cui più bello e confortevole, che stava ritornando a Marrakech e che per non viaggiare a vuoto offriva il trasporto per lo stesso prezzo dei taxi pubblici, ovvero 35 dirham, circa € 4,00. 

Lo stesso taxista, sempre grazie all’aiuto di Malika, mi ha portato quella stessa notte da Marrakech all’aeroporto di Casablanca per € 70. Mi ha permesso così di girare ancora per Marrakech per fdare ultimi acquisti, come un profumo buonissimo che sentivo sempre nei riad, “fiori di arancio”, e di mangiare in un ristorante italiano una pizza, che ci voleva dopo tanti tajine, con la compagnia di un simpatico piccolissimo micetto rosso. 

Mentre viaggiavo sul taxi nella notte, ripensavo a questo memorabile trekking e a quando abitavo in Marocco anni fa, mi mancano tante cose di quei luoghi.

Sicuramente  farò ritorno presto, perché, oltre a questo trekking, ne ho ancora una lista infinita, con possibili e infinite combinazioni! 😉 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close